670 metri quadri in più: inaugurato il nuovo polo bibliotecario dell’università

Dopo quattro lunghissimi anni si è finalmente concluso il restauro di un’altra ala dello storico complesso monumentale di Santa Maria in Gradi, fatto che ha permesso all’Università degli Studi della Tuscia di dotarsi di un nuovo polo bibliotecario all’avanguardia.

La nuova sede della biblioteca universitaria, che ora ospita anche tutti i volumi dei dipartimenti di Economia, Lingue e Beni Culturali, presenta infatti ben tre archivi con una capienza complessiva di circa 120.000 libri, un’ottima copertura Wifi e tanti spazi a disposizione degli studenti.

“Un altro passo in avanti per fare dell’ateneo un centro di cultura. Questo luogo è al servizio degli studenti e del corpo accademico, ma è anche un qualcosa che restituiamo alla città, un altro pezzo di storia recuperato”

Comincia così il suo discorso il rettore dell’università Alessandro Ruggieri poco dopo il taglio del nastro. Dopo aver ringraziato tutti i presenti, tra cui il Vescovo Lino Fumagalli e il Procuratore Paolo Auriemma, il rettore ha sottolineato l’attenta pianificazione e gestione economica del progetto: il restauro è costato infatti circa seicentomila euro a fronte degli ottocentomila preventivati. Ha poi ringraziato tutte le persone coinvolte, ponendo particolare attenzione nei confronti di Alessandra Moscatelli, ex direttore generale dell’unitus e vera anima del progetto.

Qui – ha spiegato Moscatelli con un breve intervento – doveva essere realizzata la segreteria unica degli studenti, ma a causa delle molte procedure ormai eseguibili online, rischiava di diventare uno spazio poco utilizzato. Così mi è venuta l’idea di una biblioteca. La sottoposi al professor Mancini e una volta avuto l’ok ne parlai con il rettore. Da quel momento è iniziato l’iter per il cambio di destinazione d’uso”.

Il rettore, riprendendo la parola, ha concluso il suo discorso promettendo che il polo resterà aperto fino a sera e che sarà a disposizione degli studenti anche il weekend. L’inaugurazione si è poi conclusa con un tour della nuova struttura e un piccolo rinfresco al Gradi Cafè.

polo bibliotecario