Si conclude oggi Vitercomix 2018 la due giorni del fumetto viterbese. Grande successo di pubblico per la prima edizione di questa iniziativa inaugurata ieri. Per chi ama il genere, certo la kermesse viterbese sarà risultata forse un po’ piccolina: ma come molte cose c’è sempre spazio per migliorare e migliorarsi. Un plauso quindi va all’organizzazione che ha saputo portare nella nostra città una ventata di novità.

Vitercomix 2018

Non solo fumetto però: a latere infatti tante iniziative culturali che hanno visto avvicendarsi personaggi come Greg del duo Lillo & Greg, Luca Boschi, Walter Leoni, Sudario Brando e Gianluca Foresi oltre alla scuola di fumetto Jack Kirby, e tanti altri. E ancora, erano presenti alcuni talentuosi del fumetto e dell’illustrazione made in Viterbo: Fernando Proietti, Oscar Celestini oltre alle romane Livia De Simone e Rosita Amici alcuni dei quali si potevano ammirare all’opera durante la fiera.

Al piano superiore dell’ex mattatoio di Valle Faul erano inoltre allestiti una serie di spazi a disposizione di chi volesse cimentarsi nei più svariati giochi da tavolo e di ruolo sotto la guida di giocatori esperti.

Cosa sarebbe però una fiera del fumetto senza il cosplay?

Vitercomix 2018

Come forse molti sanno, lo scopo del cosplay è di rappresentare un personaggio del mondo dell’animazione, dei fumetti, del cinema e di dargli vita, di essere come lui, di atteggiarsi come lui anche se solo per un tempo limitato come per l’appunto quello di una fiera del fumetto. Anche Vitercomix ha visto la partecipazione entusiasta di molti cosplayer che hanno presentato tanti personaggi noti e meno noti: da quelli di Guerre stellari e i Guardiani della galassia, a Deadpool e agli innumerevoli protagonisti di manga e anime giapponesi tra cui L’attacco dei giganti, Dragon ball e altri ancora.

 

Vitercomix 2018Da collezionista e amante del genere posso senz’altro dire che l’atmosfera che si respirava girando per le sale era gioiosa e di festa, di curiosità e di sorpresa nel vedere tanti costumi e strani uomini, donne e animali, of course, sempre disponibili a farsi fotografare nelle pose tipiche dei loro personaggi. Complimenti ancora all’organizzazione per la bellissima iniziativa che speriamo verrà ripetuta l’anno prossimo magari in spazi più ampi che possano permettere maggior affluenza di pubblico e un maggior numero di espositori. Ci vediamo a Vitercomix 2019.

Alberto Krebel H.